• Sesamo2
    SESAMO: la casa a consumi zero, il cui prototipo sarà realizzato a Castel Guelfo entro il 2014 con prezzi a partire da 240.000 €. 


  •                 
           
                   
     
        La Cooperativa Murri rinnova fino al 31/12/2014

    il buono casa per le giovani coppie




     
     

                                                

Gantry v4 Overview

 

The fourth generation of Gantry introduces a selection of new and desirable features to its arsenal, such as a responsive layout.

Gantry v4 effectively offers several main new features: a responsive layout, an improved administrative interface, LESS support, as well as general performance/optimization enhancements.

The standard features such as per-browser-level CSS and JS control, built-in AJAX and many others are still available with Gantry v4.

Learn More

riqualifica la tua casa

Elion

Storia

LA COOPERATIVA MURRI COMPIE 50 ANNI

 DI SANDRA LEONARDI

 
 

DAL 1960 AL 1970

Nel 1963
STORIA DELLA MURRI - Il 21 giugno dieci persone si ritrovano dal notaio Giorgio Chiossi, al n° 6 di via Farini, per costituirsi in Cooperativa di Abitazione, a cui verrà dato il nome di “Cooperativa Edificatrice Augusto Murri, scrl”. I soci della Cooperativa decidono di chiamare la Società con il nome di Augusto Murri, per rendere omaggio non solo al grande scienziato bolognese, ma anche al filantropo, sempre molto vicino alle esigenze della popolazione. La sede - come precisa l’Atto Costitutivo - è collocata in via Irnerio n° 12/2; le finalità della Società “consistono nel costruire ed acquistare case economiche e popolari, realizzando possibilmente complessi edilizi o villaggi cooperativi armonici e muniti di tutti i servizi sociali richiesti dalla vita moderna, a vantaggio dei propri soci”. Il primo presidente è Franco Contri, ha 38 anni, abita in piazza Aldrovandi, fa il commesso.
ACCADE A BOLOGNA - Il Comune di Bologna approva il programma di sviluppo della città e del comprensorio. L’Assessore all’Urbanistica Giuseppe Campos Venuti presenta un piano da destinarsi all’edilizia economica popolare, il PEEP, che diventerà lo “strumento” in grado di soddisfare la domanda di abitazioni espressa dai ceti meno abbienti.

Nel 1966
Il 2 aprile si dimette Giuseppe Dozza, e diventa sindaco di Bologna Guido Fanti. Si apre “l’era” dell’urbanistica riformista di Campos Venuti. I primi PEEP sono approvati e il Comune mette in vendita aree di sua proprietà destinate all’Edilizia Economica e Popolare. Grazie alla Legge 167, un’ampia fascia di ceti operai e impiegatizi vede la possibilità di acquisire una casa in proprietà.

Nel 1967
Viene inaugurato il primo edificio costruito dalla Cooperativa Murri: si tratta di un condominio di 42 alloggi in via Spina.
In dicembre il Comune incarica l’ architetto e urbanista Kenzo Tange di redigere il progetto per un nuovo quartiere nella periferia nord di Bologna, quartiere che diventerà sede del Fiera District.

Nel 1969
In giugno il Comune vara il Piano urbanistico di salvaguardia, restauro, risanamento del Centro Storico, sulla base di studi settoriali avviati dal gruppo di Leonardo Benevolo (architetto, urbanista, storico dell’architettura). L’attività di conservazione del Centro Storico bolognese avrà notevole risonanza in Italia e all’estero, e la sua attuazione, da parte dell’Assessore Pier Luigi Cervellati, riceverà, nel 1973, il Premio Antonio Feltrinelli dell’Accademia dei Lincei.
Fra le realizzazioni più significative degli anni Sessanta, ricordiamo il quartiere costruito dalla Cooperativa, in piazza Caduti di San Ruffillo, dove adesso la Murri ha la propria sede.

Nel 1970
La Cooperativa Augusto Murri partecipa alla realizzazione dello “Steccone”, insediamento abitativo di 162 alloggi, costruito nel quartiere “Barca”, progettato dall’architetto Gino Valle. La Cooperativa partecipa anche alla realizzazione del quartiere “Fossolo” (zona Mazzini), dove assegna 262 alloggi. Per la prima volta vengono costruiti edifici “a torre”, circondati da ampie aree verdi.
In aprile (Assessore Armando Sarti), è adottata dal Comune di Bologna la Variante Generale al Piano Regolatore. Il Piano si caratterizza per la salvaguardia del Centro Storico, per la preservazione della zona collinare dalla speculazione edilizia, per lo sviluppo industriale e del terziario nella zona a nord-est di Bologna, e per la diffusione di verde e servizi nelle nuove periferie.
Il 29 luglio è eletto sindaco di Bologna Renato Zangheri.

ANNI DAL 1971 AL 1979

Nel 1974
Sempre in zona Mazzini, esattamente in via Genova, la Murri costruisce “stecche” da 240 appartamenti. La Cooperativa adotta per questo intervento le tecniche della “prefabbricazione”, tipiche di quegli anni. Contemporaneamente la Cooperativa completa le proprie realizzazioni in via Fossolo, con la costruzione di 282 abitazioni. È questo un esempio particolarmente ben riuscito nella realizzazione di “un pezzo di città”, dove grande attenzione è data anche all’organizzazione degli spazi comuni
destinati alla vita di relazione degli abitanti.
Comincia a diventare sempre più significativo il mercato della casa in proprietà, preferita a quella in affitto.

Nel 1976
Nel quartiere “Pilastro” viene edificato un imponente complesso residenziale: il “Virgolone”. Si tratta di un edificio curvilineo di sette piani, che si snoda per 700 metri ed è costituito da 552 appartamenti.
In questo complesso la Cooperativa Augusto Murri partecipa alla costruzione sia del “Virgolone” che delle Torri.

Nel 1978
A partire dal 1978 con la Legge 457, entra in vigore il Piano decennale per l’edilizia residenziale. Inizia in questo periodo una fase di riorganizzazione delle Cooperative aderenti alla Lega.
Il processo di unificazione delle Cooperative vede fondersi con la Murri la Cooperativa Arno, Chiesa Nuova, Fontana, Lodi, Nuova Primavera e Palazzetti. La ragione sociale cambia, e raggiunge la più ampia definizione di “Cooperativa Edificatrice Comprensoriale Murri”.

ANNI DAL 1980 AL 1990

Negli anni Ottanta si intensificano le realizzazioni nell’ambito PEEP. Da segnalare, ad esempio, il grande complesso di via Longhena, dove la Cooperativa trasferisce la propria sede sociale, oltre ai due edifici a corte del Cavedone. Grazie alle dimensioni raggiunte dopo le fusioni, la Murri comincia ad effettuare i primi interventi anche
fuori dalla città, a Castenaso e in Val di Zena. Due importanti cambiamenti nelle strategie messe in atto dalla Cooperativa in questi anni: inizia a costruire anche su aree a libero mercato e affronta il settore del recupero del patrimonio edilizio esistente. Significativo l’intervento realizzato su un’area dismessa del centro storico di Bologna, in via Frassinago, laddove prima della guerra esisteva una fabbrica. Un altro progetto portato a termine in questi anni è il complesso di edifici a corte in via Ferrara, dove vengono realizzati più di 170 appartamenti. 
Il processo di unificazione con altre Cooperative continua: nel 1985 entra nella compagine sociale della Murri la Cooperativa Volpi (già Tranvieri); nel 1990 entra la Cooperativa La Fornace. Fra le realizzazioni che si possono definire “fiore all’occchiello” della Murri, negli anni Ottanta, va ricordato il comparto di via Roncaglio, fra via dell’Arcoveggio e via di Corticella. Comparto che ha ricevuto numerosi premi, anche europei, per l’alta qualità urbanistica.
Il 29 aprile 1983 viene eletto sindaco Renzo Imbeni.

ANNI DAL 1991 AL 2000

il 27 febbraio 1993 viene eletto sindaco Walter Vitali.

Nel 1994
Continua l’espansione della Murri, attraverso l’incorporazione di ben sette Cooperative. Il suo raggio di attività spazia dalle Marche al Veneto.

Nel 1997
La Cooperativa Murri presenta il suo primo Bilancio Sociale e contestualmente formalizza la propria missione aziendale. “La Murri - è detto nel paragrafo del Bilancio Sociale dedicato alla ‘mission’ - è una Cooperativa di Abitanti che vuole crescere quale protagonista della cultura e della politica dell’abitare”.

Nel 1999
La Murri firma una convenzione con il D.A.P.T. (Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna), con cui si impegna a contribuire, attraverso borse di studio e tesi di laurea, alla realizzazione di ricerche sugli interventi in edilizia ecocompatibile.
Il 30 giugno 1999 viene eletto sindaco Giorgio Guazzaloca.


Nel 2000
La Murri introduce massicciamente l’applicazione delle tecniche di bioarchitettura nelle proprie realizzazioni, tanto da diventare, in pochi anni, la Cooperativa di riferimento in Italia per quel che riguarda l’edilizia sostenibile.

ANNI DAL 2001 AL 2010

Nel 2002
Accanto alla bioarchitettura, per coniugare qualità, vivibilità e bellezza, la Murri inizia a collezionare opere d’arte di grandi artisti italiani e stranieri, incentrate sul tema della casa e dell’abitare. Sono esposte nella sede della Cooperativa.

Nel 2003
La Cooperativa Murri festeggia i suoi 40 anni di attività. Fra le varie iniziative del programma di celebrazioni, viene istituito, quale prosecuzione dell’impegno della Cooperativa nel settore artistico, il premio MurriPublicArt, un concorso d’arte promosso per favorire la cultura estetica e il senso del bello nella realtà urbana. Il vincitore della prima edizione è Aldo Mondino, con “Iniziazione”, una scultura in bronzo che la Murri collocherà all’interno del complesso costruito in via Masia.

Nel 2004
La Cooperativa modifica la propria ragione sociale in “Cooperativa Murri” e aggiorna lo Statuto a seguito della riforma del Diritto Societario Cooperativo.
Il 24 giugno viene eletto sindaco Sergio Cofferati.

Nel 2005
La Cooperativa Murri dà il via alla certificazione energetica, che viene attestata dal marchio “Fiocco di Neve”. Per gli edifici di cui la Murri prevede la certificazione energetica vengono garantite prestazioni che consentono una sensibile riduzione dei consumi.

Nel 2006
La Cooperativa avvia al proprio interno la riflessione sul rinnovo della Governance e rivede i meccanismi della rappresentanza e della partecipazione della base sociale, realizzando anche la revisione dello Statuto, dei Regolamenti e dando vita alla Delegazione Sociale.

Nel 2008
Parte il primo dei tre cantieri di Via Carlo Marx, in bioarchitettura, con certificazione energetica in Classe A.
Apre in via Larga il cantiere della Torre direzionale dell’Unipol, un grattacielo di vetro e acciaio che, con i suoi 125 metri di altezza, modificherà lo skyline di Bologna.
Viene inaugurata la nuova sede del Comune di Bologna, in piazza Liber Paradisus.
Entra in vigore il Piano Strutturale Comunale (PSC), che delinea lo sviluppo urbanistico di Bologna per i prossimi vent’anni (lo presenta l’Assessore Virginio Merola, che sarà eletto sindaco nel 2011).
La Legge Finanziaria 2008 introduce la possibilità di costruire case in Social Housing, e la Cooperativa Murri ne fa uno dei settori prioritari d’intervento.

Nel 2009
Prende avvio il secondo cantiere di via Carlo Marx.
Il 25 giugno viene eletto sindaco Flavio Delbono.

Nel 2010
La Cooperativa Murri decide di costruire ogni nuovo intervento edilizio in Classe energetica A. Viene costituita una E.S.Co., con la Cooperativa Dozza e successivamente anche con il Consorzio Cooperative Costruzioni, denominata Elion, per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il primo lotto dei tre edifici di via Carlo Marx è ultimato. Si tratta di un palazzo in linea, di 6 piani, per 40 alloggi, in Classe energetica A.
È inaugurata la terza Torre del Fiera District, progettata alla fine degli anni Sessanta da Kenzo Tange.
Il 18 febbraio Anna Maria Cancellieri, dopo le dimissioni del sindaco Flavio Delbono, assume il ruolo di Commissario Prefettizio.

ANNI DAL 2011 AL 2020

Nel 2011
La Cooperativa Murri si attiva anche sul fronte della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente.
Il 24 maggio viene eletto sindaco Virginio Merola.


Nel 2012
La Murri completa il secondo lotto di Via Carlo Marx per 40 alloggi e avvia il cantiere del terzo lotto. Si mette a punto un progetto innovativo per la realizzazione della “casa passiva”. Tale prodotto immobiliare sarà caratterizzato da elevatissime prestazioni, da costi contenuti e dalla massima flessibilità nella definizione degli spazi interni. Iniziano i lavori nell'area di via del Frullo con un intervento in edilizia convenzionata.

Nel 2013
La Cooperativa Murri celebra il suo 50° anno con importanti iniziative: dal convegno di febbraio sulle "Case a consumi zero", all'Assemblea di Bilancio di aprile dove presenta il libro "La casa in testa", alla Assemblea di presentazione del Bilancio Sociale dove si sono discusse le prospettive del settore.
Va a regime il servizio di riqualificazione delle abitazioni dei soci attraverso la controllata Elion Srl.
Partono a Bellaria/Igea Marina i lavori di un intervento in edilizia convenzionata che si affaccia nel Parco del Gelso.
A dicenbre ripartono i lavori nel cantiere di via del Lazzaretto dopo che la Coop Costruzioni è subentrata a una impresa in difficoltà. La Cooperativa Murri celebra il suo 50° anno con importanti iniziative: dal convegno di febbraio sulle "Case a consumi zero", all'Assemblea di Bilancio di aprile dove presenta il libro "La casa in testa", alla Assemblea di presentazione del Bilancio Sociale dove si sono discusse le prospettive del settore.

Nel 2014
L'Assemblea di Bilancio evidenzia che la Murri "tiene" nonostante la crisi in atto.
Il 30 giugno si spegne il Presidente della Cooperativa Murri, in carica dal 1995, dopo aver lottato con tutte le forze contro un male incurabile.
Il 30 Luglio viene inaugurata presso la sede della Cooperativa un mostra permanente di opere d'arte intitolata a Adolfo Soldati, per testimoniare una passione che il Presidente ha cercato di trasmettere ai Soci, inserendo alcune opere d'arte negli interventi.
Viene eletto Presidente Paolo Motta già Vice-Presidente che, continuando il lavoro di Soldati, si ripromette di portare la Cooperativa Murri al superamento della crisi che attanaglia il mondo delle costruzioni da alcuni anni.

 

 

area soci

Come diventare Soci

Login SOCI

 Possono essere soci tutti coloro che intendono partecipare alla vita della Cooperativa avvalendosi dei beni e dei servizi oggetto dell’attività della stessa, che non abbiano fini contrastanti con quelli della Cooperativa, che non esercitino in proprio imprese identiche o affini con quella della società cooperativa, e che non abbiano in qualsiasi modo arrecato danno morale o materiale alla Cooperativa ed alla sua immagine. 

 COME DIVENTARE SOCI CON PAGAMENTO ON LINE (*)

E’ possibile presentare i documenti per richiedere l’iscrizione alla Cooperativa Murri tramite posta elettronica o mediante invio via posta ordinaria o fax ed effettuare il pagamento on line di euro 52,00 (cinquantadue/00) direttamente da QUI.

(*) ATTENZIONE, SERVIZIO MOMENTANEAMENTE SOSPESO

COME DIVENTARE SOCI PRESSO I NOSTRI UFFICI

Occorre presentarsi con un documento di identità ed il codice fiscale presso  la sede della Cooperativa:

Bologna - 
Piazza Caduti di San Ruffillo 5 - tel 051.6221811
dal lunedìal venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle ore 18.30

Sottoscrivere l'apposita  domanda e versare  una quota di 52,00 EURO.

L'ordine di iscrizione nel libro soci costituisce titolo di preferenza nella scelta e nella prenotazione degli alloggi da effettuare secondo apposita normativa emanata dal Consiglio di Amministrazione

Il Socio: 
è informato tempestivamente su tutti i programmi della Cooperativa Murri, anche attraverso il giornalino "Murri News",
dopo la delibera di ammissione a socio, può aprire il libretto di prestito sociale;
può prenotarsi sui singoli programmi per l'assegnazione dell'abitazione;

SE SEI GIA’ SOCIO

Puoi consultare on line le tue posizioni di prestito sociale e conto alloggio compilando il form QUI
Oppure occorre presentarsi con un documento di identità ed il codice fiscale presso  le sedi della Cooperativa: 

 

Domanda Ammissione a Socio  Regolamenti 2011
Scarica il fascicolo in formato pdf con i regolamenti completi
Informativa Privacy  Statuto 2011
Scarica lo Statuto 2011 della Coop Murri in formato pdf

 

Documentazione necessaria all'iscrizione
   
home 1209557792  Domanda Ammissione a Socio
Scarica la Domanda di ammissione per diventare Socio Murri
home 1209557814  Informativa Privacy
Scarica e firma il consenso all'uso dei dati personali
Scarica l'ultimo Bilancio Sociale Murri
   
 home 1209557792
Bilancio Murri in formato PDF

 

 

Informativa Privacy Murri News 2014 n.2 - maggio/agosto 
Scarica l'ultima versione del Giornalino periodico Murri in versione PDF
 
   


Come prenotare un'alloggio

Specifica:
Per ogni programma di intervento edilizio la Cooperativa Murri emette uno specifico bando di prenotazione.

- Per la prenotazione il Socio deve compilare la domanda relativa all'intervento prescelto e versare l'importo previsto in un libretto di prestito sociale (nominativo, non vincolato). Sul versamento sono riconosciuti interessi il cui tasso è indicato nella domanda di partecipazione al bando.

- Per ogni singolo intervento viene stilata una graduatoria che tiene conto dell'iscrizione nel libro soci, per le prenotazioni effettuate nei primi 60 giorni di apertura del bando, e successivamente della data di prenotazione.

- Il Socio che per qualsiasi causa si ritiri dalla prenotazione, ha diritto alla restituzione delle somme versate. Gli interessi maturati nel frattempo saranno accreditati sul libretto, alle condizioni stabilite per il prestito sociale ordinario.

- Nel momento in cui si definiscono tutti gli elementi tecnico-economici dell'intervento i Soci sono chiamati, in ordine di graduatoria, per la scelta e l'assegnazione definitiva dell'alloggio.

Per info:
tel 051.6221811 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Prestito Sociale

Prestito Sociale Ordinario

Decorrenza 01 LUGLIO 2014

 TASSI INTERESSE dal 01 LUGLIO 2014             TASSO LORDO     TASSO NETTO

 Per i depositi da €.     500,00 fino a   €. 2.500,00          1,50%                 1,11%

 Per i depositi da €.   2.500,01 fino a €. 15.000,00          2,50%                 1,85%

 Per i depositi da €. 15.000,01 fino a €. 30.000,00          3,50%                  2,59%

 Per i depositi da €. 30.000,01 fino a €. 72.000,00          4,00%                  2,96%

IMPORTANTE: 
AI SENSI ART. 21, COMMA 6, LEGGE 31/01/1992 N.° 59 E’ CONSENTITO AL SOCIO DI VERSARE FINO AD UN MASSIMO DI €. 72.000,00 NEL LIBRETTO A RISPARMIO SOCIALE.

RITENUTA FISCALE: sugli interessi a titolo di imposta - Art. 3 Decreto Legge del 24 aprile 2014 n. 66: 26% per i soci persone fisiche, salvo diverse disposizioni normative

Prestito Sociale Vincolato

Decorrenza 01 LUGLIO 2014

                   VINCOLO 1 ANNO                VINCOLO 2 ANNI

deposito        tasso lordo   tasso netto         tasso lordo   tasso netto

 €   5.000,00        2,90%           2,15%                 3,10%            2,29%

 

 € 10.000,00        2,90%           2,15%                 3,10%            2,29%

 

 € 15.000,00        2,90%           2,15%                 3,10%            2,29%

 

 € 20.000,00        3,90%           2,89%                 4,10%            3,03%

 

 € 25.000,00        3,90%           2,89%                 4,10%            3,03%

 

 € 30.000,00        3,90%           2,89%                 4,10%            3,03%

 

 € 35.000,00        4,40%           3,26%                 4,60%            3,40%

 

 € 40.000,00        4,40%           3,26%                 4,60%            3,40%

 

 € 45.000,00        4,40%           3,26%                 4,60%            3,40%

 

 € 50.000,00        4,40%           3,26%                 4,60%            3,40%

 

 € 55.000,00        4,40%           3,26%                 4,60%            3,40%

 

 € 60.000,00        4,40%           3,26%                 4,60%            3,40%

 

 A PARTIRE DA UN DEPOSITO DI € 5.000,00 fino a un massimo di €. 60.000

 

COOPERATIVA MURRI ASSICURA RENDIMENTI TRA I PIU' ELEVATI DEL MONDO COOPERATIVO SUI DEPOSITI CHE I SOCI LE HANNO AFFIDATO

 

VERSAMENTI E I PRELIEVI SI POSSONO EFFETTUARE PRESSO LA COOPERATIVA MURRI IN PIAZZA
CADUTI DI SAN RUFFILLO, 5 A BOLOGNA, TEL. 051 6221811, DAL LUNEDì AL VENERDÌ ORE
9,00 - 13,00/ 14,30 - 18,30.

 

L’IMPORTO MINIMO PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI INTERESSI È DI E 500,00.
L’IMPORTO MASSIMO DI PRELEVAMENTO IN CONTANTI È DI E 520,00.

 

L'assemblea dei soci della Cooperativa il 04 Aprile 2011 ha deliberato il nuovo regolamento per la raccolta del prestito sociale che prevede la sottoscrizione di un contratto da parte di tutti i soci prestatori, così come è stato stabilito dalla legge dei Regolamenti del C.I.C.R e dalla Banca d'Italia. 


Il libretto del prestito sociale potrà essere aperto o estinto esclusivamente dal titolare del rapporto.